Forum Famiglie. A #Dònàti parla l’Officina dei miracoli: testimonianze di adozione e affido.

Ne vale la pena, oltre ogni possibile intoppo o difficoltà”. E’ questa la consapevolezza che portano con sé i numerosi messaggi, testimonianze e racconti provenienti da tutte le regioni italiane protagoniste, sabato 26 gennaio 2019, degli eventi “#Dònàti: fatti un dono, dona una famiglia a chi non l’ha”, nell’ambito dell’omonima campagna nazionale promossa dal Forum Nazionale delle Associazioni familiari e organizzata da cinque realtà associative del Forum che si occupano di infanzia abbandonata: Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini, Comunità Papa Giovanni XXIII, Azione per Famiglie Nuove, Famiglie per l’Accoglienza e Progetto Famiglia.

Al centro degli eventi di Roma, Bologna, Termoli, Teramo, Salerno, Milano, Ancona, Cagliari, Catania, Verona, Trento, Ascoli Piceno, Brescia, Parma e Potenza le testimonianze delle famiglie che vivono l’esperienza adottiva e affidataria: mamme, papà, figli naturali di una famiglia accogliente, i ragazzi che sono stati adottati o accolti in affidamento.

A Palazzo Gran Guardia a Verona, in una sala gremita per l’appuntamento con #Dónàti, Massimo Cecchetti, padre adottivo, parla col cuore in mano. Nel momento in cui lui e sua moglie sono andati ad incontrare la bambina che sarebbe diventata loro figlia accanto a lei – raccontano i coniugi Cecchetti- un’altra diceva “perché non portate anche me con voi?”. E’ questo grido dei bambini in istituto senza una famiglia che ha spinto Massimo e sua moglie Maria Luisa, famiglia fondatrice dell’associazione La Pietra Scartata e coordinatrice della sede veneta di Ai.Bi. Amici dei Bambini, a generare nell’amore ben tre figlie adottive.

Da Salerno giunge la storia di una “mamma di cuore”, come si definisce Rita, la mamma della piccola Fucai “La nostra storia adottiva è iniziata, ufficialmente, il 9 marzo 2014, dopo anni di attesa e di sogni. Fino ad allora, ogni sera, quando tutte le attività si placano, rifletti, sogni, immagini come potrebbe essere la tua vita insieme a lei o lui, quanto amore vi scambierete vicendevolmente, immagini quante cose farete insieme. La verità è che qualsiasi immaginazione è molto, molto lontana dalla realtà. Da quel giorno, da quando ci siamo incontrati la prima volta, non ne passa uno che non ringraziamo infinitamente il Signore per averci dato questa bellissima gioia, di nome di Fucai, che riempie d’amore le nostre vite. Ogni giorno lei, il suo modo di fare, ci regala emozioni forti e bellissime. L’adozione è una cosa meravigliosa che ti fa capire che le storie a lieto fine esistono davvero. E allora ti accorgi che anche tu puoi concludere la tua con la frase più bella … e vissero per sempre felici e contenti

E poi i versi in prosa di una futura mamma, che nel cuore già lo è a suo figlio che da qualche parte del mondo la attende “Mi ricordo di te, figlio mio, quando di notte, nel buio della solitudine, cercavi disperatamente un abbraccio, una carezza. Mi ricordo di te, figlio mio, quando desideravi ardentemente che una mamma e un papà ti portassero via da quel luogo. Mi ricordo di te, figlio mio, quando guardavi con invidia ogni bimbo che andava via felice nelle braccia dei suoi genitori. Mi ricordo di te, figlio mio, quando urlavi e ti dimenavi per non essere “uguale” agli altri bimbi. Mi ricordo di te, figlio mio, vedo il tuo volto, i tuoi occhi, il tuo sorriso, la tua anima. Mi ricordo di te, figlio mio, perché il desiderio di te io lo porto nel mio cuore da sempre. Mi ricordo di te, figlio mio, purché in qualunque parte del mondo tu sei, io ti sto cercando e so che ti troverò”.

Spronare le famiglie italiane a intraprendere la meravigliosa avventura dell’adozione o dell’affido come scelta familiare raccontando la bellezza dell’Officina dei Miracoli: è questo l’impegno di“#Dònàti: fatti un dono, dona una famiglia a chi non l’ha”.

Condividi:

gb94xk - 0ts2sl - vg7oli - m2seso - b09t4k - yrkqu7 - 9csq7h - 1nz6xf